Cambio Valuta

Viaggio nella storia medievale di Genova

Per capire Genova bisogna partire all’inizio della sua storia. Iniziamo il viaggio nella storia medievale di Genova partendo dal 1096, quando Genova cominciò a rendersi autonoma dal Sacro Romano Impero, fu la prima città a dichiararsi Libero Comune, partecipando poi alla prima crociata (avendo la concessione dell'uso della croce rossa nello stemma).

Non è difficile nei palazzi nel centro storico scorgere nell’intonaco tratti in cui compare il tessuto medievale, dal complesso monumentale della Commenda di Pre, e qui che si è dato inizio ad anni e secoli di crociate, la vecchia commenda della città si affacciava direttamente sul mare; Genova entra nell’adolescenza della sua storia quando scopre di essere il vettore ideale per i crociati e i pellegrini che vanno in Palestina e quando capisce i proventi che si possono ricavare. Sarà la grande concorrenza di Pisa nel tentativo di dominare il mar Tirreno; Corsica, Sardegna e la Sicilia compresa, guardinga con chi si affaccia sullo stesso mare: i francesi e catalani. Ma sempre con la lotta interna tra le sua famiglie più potenti: Dori, Fieschi, Spinola e i Grimaldi, alcuni di questi famiglie vivono ancora a Genova.

I Doria furono la famiglia più conosciuta ed importante, grazie alle gesta di alcuni suoi membri che riuscirono ad allargare i loro possedimenti in Corsica, Sardegna ed in Medio Oriente. Tra i primi componenti citiamo Ansaldo Doria, console al momento dell’ascesa di Barbarossa, mostrò grande sicurezza non pagando all’imperatore le tasse come dominato ma regalandogli dei tesori in qualità di amico. Il simbolo dei Doria è un’aquila con le ali spiegate e la corona sulla testa: questo è un simbolo imperiale e fa capire che i Doria erano di tendenza ghibellina.

Catalogo

Selezione prodotto

Assistenza Clienti

010 2723 934

347.76.24.107

 Email - contatto

 

italiano english

App AvalonCeltic

Android App Web

APP for Android

Installa l'applicazione

Facebook Like